Aspettando Cheese Art, Licitra: rinnoviamo il nostro patto con tutta la filiera

C’è grande entusiasmo al CoRFILaC per l’edizione 2022 di Aspettando Cheese Art, l’evento che dal 13 al 15 Maggio presenterà, spalmati su tre giorni, convegni, approfondimenti e degustazioni con l’intento di riaprire le porte del centro di ricerca a tutti i player della filiera in una unica e qualificata occasione di primavera.

Guarda il video:

 

Al quartier generale sulla SP Ragusa Mare fervono già i preparativi per un evento tanto atteso e che, in forza del successo delle precedenti edizioni, è divenuto punto di riferimento a livello internazionale grazie alla promozione di un modello innovativo in grado di coinvolgere i rappresentanti di tutti i settori coinvolti: dai produttori, ai ricercatori del mondo universitario, dagli opinion leader ai consumatori.

Lo ha confermato stamane nella conferenza stampa coordinata dalla giornalista Gianna Bozzali,  il prof. Giuseppe Licitra, presidente del CoRFILaC. Si comincia ufficialmente venerdì 13 maggio alle ore 15.00 con il primo convegno avente per focus “Le strategie di vendita e di promozione dell’agroalimentare”

“Si tratta – ha detto il docente universitario, referente per l’Italia in tanti progetti transnazionali della filiera lattiero casearia e agroalimentare e ideatore dell’evento – di un convegno in cui risiede la prima di tre importanti motivazioni alla base di Aspettando Cheese Art, ossia l’intesa tra il nostro centro di ricerca, certificazione e divulgazione e la IULM University”. Il Prof. Vincenzo Russo, Responsabile del Master e che alla IULM coordina il Behavior and BrainLab, presenterà i primi corsisti del master i quali descriveranno il loro percorso formativo con riferimento anche ai propri contesti lavorativi, non tutti appartenenti al food.

 

Ricerca in primo piano con il coinvolgimento di Università, produttori e stakeholder (ph profilo Facebook Corfilac)

 

Il Convegno è dedicato alla chiusura dei lavori della prima edizione del master in “NEUROMARKETING, CONSUMER NEUROSCIENCE E MARKET RESEARCH”. Finalità dell’incontro sarà quello di condividere con i referenti del mondo agroalimentare siciliano le principali strategie di marketing fondate sulle più recenti scoperte sul cervello e sulle soluzioni che le neuroscienze offrono per risparmiare sugli investimenti aumentando i margini soprattutto in un momento – ha specificato il prof. Licitra – “in cui sono divenuti realtà argomenti come la green economy, l’economia circolare e la sostenibilità che il Corfilac ha sempre affrontato e rilanciato, già da anni, per essere pronti, adesso e con un punto di vantaggio, rispetto alla nuove sfide che non prescindono – ha avvertito Licitra – da un uso più consapevole dell’acqua”.

 

La Cacioteca del Cofilac sarà il luogo in cui si svolgeranno focus e convegni di Aspettando Cheese Art (ph profilo Facebook Corfilac)

 

L’intesa tra IULM e Corfilac porta inoltre alla inaugurazione del Brain Lab che avverrà nella mattinata del sabato 14 maggio con un convegno dal titolo “Brain Lab: sinergia delle conoscenze tra IULM e CoRFiLaC. La Neuroscienza al servizio della Tradizione per conoscere le emozioni dei consumatori”. Nel convegno sarà presentata l’importanza della Neuroscienza applicata al Neuro-Marketing  e come quest’ultimo possa contribuire ad offrire delle opportunità lavorative e culturali per i millennials, nel rispetto delle tradizioni della Civiltà Contadina.

La seconda motivazione che sorregge Aspettando Cheese Art è il coinvolgimento del mondo della produzione e degli stakeholder. “Sono soggetti protagonisti – ha ricordato il prof. Licitra – che devono avere voce in capitolo nell’ottica di un rinnovato e virtuoso rapporto di filiera, che vada al di là degli slogan. Messaggi compilati con eccessiva sintesi risultano fuorvianti per i consumatori che – se pur oggi molto più attenti rispetto al passato – non ricevono informazioni sufficienti sulla importanza del lavoro svolto da donne e uomini che quotidianamente garantiscono, con sacrificio, passione e competenza,  la produzione del nostro patrimonio lattiero caseario e agroalimentare, spesso in luoghi come colline e montagne difficilmente raggiungibili e non coperti da servizi oggi assolutamente necessari come le connessioni a larga banda”.

Da qui l’appello del prof. Licitra rivolto alle istituzioni, affinchè ci sia una nuova stagione volta alla dotazione infrastrutturale a vantaggio di zone dove in modo eroico, i produttori proseguono la loro attività tra mille limitazioni e difficoltà.

 

Una precedente edizione di Cheese Art (ph profilo Facebook Corfilac)

 

Infine “il terzo e importante momento alla base di Aspettando Cheese Art è il coinvolgimento diretto dei consumatori” –  ha ricordato il prof. Licitra e domenica 15 maggio si profila come una giornata ricca di eventi a loro dedicati.

Spazio alle degustazioni itineranti dei 15 formaggi del Meridione d’Italia protagonisti del progetto Canestrum Casei a cura dei partner di AGER e alle degustazioni itineranti di formaggi di rinomata fama internazionale. Inoltre, si potrà assistere alla caseificazione dal vivo di alcuni formaggi e alla produzione della ricotta presso il caseificio interno del CoRFiLaC mentre per i più piccoli saranno predisposti dei laboratori didattici. Infine, sarà possibile partecipare a quattro laboratori del gusto che si susseguiranno lungo tutta la giornata in abbinamento a vini, birre e confetture. Si inizierà alle 12.30 con il laboratorio a cura del partner AGER su La biodiversità ovi-caprina del Meridione d’Italia: emozioni storiche con l’assaggio dei formaggi: Cacioricotta, Caprino Nicastrese, Piacentinu Ennese DOP, Pecorino di Filano DOP, Canestrato di Moliterno IGP, Pecorino di Carmasciano PAT, Fiore Sardo DOP, Pecorino Siciliano DOP. E sempre con AGER si proseguirà alle ore 15.00 con la degustazione dal titolo Le secolari paste filate del Meridione d’Italia dove saranno proposti i formaggi Vastedda Valle del Belice DOP, Casizolu di Montiferru, Caciocavallo Podolico PAT, Provola dei Nebrodi DOP con limone verde, Caciocavallo Palermitano PAT, Ragusano DOP, Provola dei Nebrodi DOP Sfoglia extra stagionata. Si volerà poi fuori i confini nazionali con le due degustazioni firmate CoRFiLaC. Alle ore 17.00 Dalla Francia alla Spagna, al Portogallo fino ai Peloritani con i formaggi Beaufort Alpage DOP, Salers DOP, Abondance Fermier DOP, Maiorchino, Azeitao DOP, Serra da Estrela DOP, Questo de la Serena DOP, e alle 19.30 Per gusti intensi d’Europa, dai cremosi ai granulosi fino agli erborinati in degustazione i formaggi Camembert DOP, Cheddar Montgomery DOP, Tuma Persa PAT, Castelmagno DOP d’Alpeggio, Blu Stilton DOP, Queso de Cabrales DOP, Roquefort DOP.

“Con Aspettando Cheese Art, le porte del Corfilac tornano ad aprirsi al grande pubblico – ha detto il prof. Giuseppe Licitra – e siamo sicuri che il coinvolgimento di tutti i soggetti della filiera continui ad essere un modello vincente non solo in termini di dialogo e di confronto, ma anche di preparazione alle nuove sfide, non ultima quella legata alla realizzazione di progetti imprescindibili su un uso limitato delle acque anche in agricoltura e zootecnia mediante l’irrigazione e la somministrazione deficitaria”.

 

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

LE PRODUZIONI DI PINXA IN LIVE STREAMING:

AgriStream Sicilia, Agricoltura Ambiente e Alimentazione LIVE su Pinxa

 

InFormAzione, guarda qui tutte le puntate della prima stagione

 

PINXA PRESENTE AGLI EVENTI INTERNAZIONALI:

 

Guarda tutti i video dalla Fruit Logistica 2022 di Berlino

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti su questa o altre storie scrivete a info@pinxa.it
Se invece volete aggiungere informazioni, potete scriverci via email su info@pinxa.it o attraverso la nostra pagina facebook (clicca qui)

 

Vedi le ultime news

 

Guarda se siamo in diretta:

 

Iscriviti al canale adesso: