Sei città siciliane sono "Ambasciatori nazionali" perchè esempi virtuosi | ecco quali sono
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Tusa, Santo Stefano di Camastra, Brolo, Roccalumera, Geraci Siculo e Chiaramonte Gulfi sono i 6 Comuni siciliani che figurano tra i “100 ambasciatori nazionali”, il premio dedicato a città, imprese ed enti che nel loro territorio e in tutto il Paese, mettono in pratica azioni volte allo sviluppo socio-economico e valorizzazione del patrimonio, diventando un esempio virtuoso per la comunità.

I Comuni dell’Isola sono stati premiati ieri a Roma, a Palazzo Madama, sede del Senato. Premiate anche 2 aziende.

Il premio – organizzato dall’Associazione Liber, con il patrocinio, tra gli altri, del Senato della Repubblica, della presidenza del Consiglio di ministri e di altri sette dicasteri – è rivolto a enti locali e imprese in prima linea che investono sul benessere e la formazione, “ambasciatori”, appunto,  radicati nel territorio che aiutano la Nazione ad acquisire valore, creando occupazione e benessere sociale, diventando un punto di forza per la crescita e il miglioramento delle sue potenzialità.

«E’ un particolare motivo di orgoglio per la Sicilia – ha commentato il presidente della Regione Nello Musumeci – constatare che ci sono comunità che lavorano e crescono fino a rappresentare degnamente, a livello nazionale, la nostra terra. I miei complimenti e un grazie, a nome di tutti i siciliani, vanno agli amministratori dei sei Comuni premiati e ai rappresentanti delle due aziende per l’impegno attraverso il quale sono riusciti a esportare un’immagine positiva della nostra Isola».

 

Per saperne di più:

http://www.associazioneliber.org/attivita/premio-ambasciatore/

 

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti su questa o altre storie scrivete a info@pinxa.it
Se invece volete aggiungere informazioni, potete scriverci via email su info@pinxa.it o attraverso la nostra pagina facebook (clicca qui)

 

Pinxa, prima di comunicare pensa | scrivi a info@pinxa.it

 

 

Potrebbe anche interessarti: