•  
  •  
  •  
  •  

 

Inaugurata alla presenza dell’autore lo scorso 14 dicembre e ospitata all’ex Convento del Carmine in piazza Matteotti, a Modica, la mostra “Migranti ambientali: l’ultima illusione” del fotografo Alessandro Grassani.

L’esposizione resterà visitabile fino al 12 gennaio 2020 (da martedì a sabato dalle 16 alle 20, la domenica anche dalle 10 alle 13, chiuso il lunedì; ingresso euro 2, gratuito per le scuole).

Il progetto di Grassani – che ha già ottenuto una grande risonanza a livello internazionale – è ora integralmente esposto, per la prima volta, in Sicilia, a Modica, grazie a questa mostra, voluta e organizzata dal Condominio Fotografico e dalla Fondazione Teatro Garibaldi.

Ad accogliere e, soprattutto, interrogare i visitatori sono 34 stampe fotografiche, di notevole dimensione e dal forte impatto emotivo, tutte dedicate al fenomeno – ancora inesplorato e trascurato dal rumoroso dibattito politico – dei migranti ambientali. Persone che, in fuga dal proprio Paese a causa dei cambiamenti climatici, non approdano nei Paesi più ricchi ma cercano nuove forme di sostentamento nelle aree urbane dei loro Paesi d’origine, i cosiddetti slums, già sovraffollati e spesso poverissimi.

 

Fotografia, Alessandro Grassani espone a Modica dal 14 Dicembre | Tutte le INFO
Mongolia, Arkhangai province. 18/03/2011

 

Un fenomeno destinato a diventare la vera prossima emergenza umanitaria del pianeta: “I migranti ambientali saranno, entro il 2050, secondo le stime dell’ONU, dai 200 ai 250 milioni”, ha dichiarato Grassani, più volte premiato ai Sony World Photography Awards, presentando il progetto.

“In realtà, già oggi, sono una massa oceanica di fantasmi. Fantasmi per il diritto internazionale, perché queste persone non hanno ancora uno status politico, come invece hanno i rifugiati politici, e nemmeno una definizione univoca. Io ho voluto dare un volto a questi fantasmi, così che attraverso le immagini di questo progetto si possano conoscere le prime vittime, non ancora censite, dei cambiamenti climatici e leggere le loro storie nel dettaglio”. Continua Grassani: “È un lavoro che ho realizzato in quattro diversi Paesi – Ulan Bator (Mongolia), Dhaka (Bangladesh), Nairobi (Kenya) e Port au Prince (Haiti) – che coincidono con le quattro tappe del mio viaggio di esplorazione e con l’obiettivo di rappresentare le diverse tipologie di cambiamenti climatici che a livello globale influenzano il fenomeno delle migrazioni ambientali”.

 

Alessandro Grassani a Modica

 

Alessandro Grassani, Sony Global Imaging Ambassador e docente di fotografia documentaria all’Accademia John Kaverdash di Milano, deve gran parte della sua fama al fatto di aver già raccontato grandi eventi internazionali come i funerali di Yasser Arafat, lo sgombero dei Coloni israeliani dalla Striscia di Gaza, il terremoto che distrusse la città di Bam in Iran, l’operazione militare israeliana “Summer Rain”.

“La fotografia serve proprio a questo”, ha commentato Simone Aprile, presidente del Condominio Fotografico: “Congela un fatto e lo offre a chi lo guarda. Da anni l’obbiettivo di Grassani si è spostato verso l’approfondimento e l’indagine. La sua fotografia fa riflettere. E noi con queste splendide e impattanti immagini di Alessandro vogliamo che i visitatori si fermino, si interroghino e riflettano sul duplice tema del progetto: sulle persone, in carne e ossa, costrette a migrare dal sud del mondo per cause ambientali, e sui questi cambiamenti climatici che anche da noi, nel ricco nord del mondo, si stanno facendo sentire, con forza e frequenza maggiori”.

 

 

Il progetto sui Migranti ambientali è già stato esposto in molte parti del mondo, innanzitutto nella sede dell’ONU e poi da Parigi a Berlino, da Londra a Trondheim, da Madrid a Yokohama, oltre a essere stato oggetto di numerose pubblicazioni, dal National Geographic a Newsweek, dalla BBC alla CNN.

“E noi siamo orgogliosi di averla portata a Modica, prima che in altre città siciliane”, chiosa Tonino Cannata Sovrintendente della Fondazione Teatro Garibaldi perché: “Le immagini, così forti, di Grassani hanno il pregio di aprire uno squarcio diverso, da quelli soliti, sulle condizioni ambientali da cui uomini e donne di Paesi più poveri sono costretti a fuggire. Uno squarcio che speriamo si apra anche nella riflessione degli adulti e dei ragazzi delle scuole modicane che, approfittando del periodo natalizio, visiteranno la mostra”.

Già in questi giorni, intanto, molti alunni delle scuole della città stanno visitando l’esposizione grazie alla sensibilità dei docenti e dei dirigenti scolastici che ne hanno colto le finalità didattiche.

 

Ethiopia, Seis village, along the Kenyan-Ethiopian border. 12/11/2013

 

Dai social:

https://www.facebook.com/alessandro.grassani

 

 

Dal nostro archivio:

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti su questa o altre storie scrivete a info@pinxa.it
Se invece volete aggiungere informazioni, potete scriverci via email su info@pinxa.it o attraverso la nostra pagina facebook (clicca qui)

 

Pinxa, prima di comunicare pensa | scrivi a info@pinxa.it

 

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

 

Sintesi
 A Modica Alessandro Grassani, il fotografo che ha dato un volto a chi fugge dai cambiamenti climatici
Titolo
A Modica Alessandro Grassani, il fotografo che ha dato un volto a chi fugge dai cambiamenti climatici
Info
Inaugurata alla presenza dell'autore lo scorso 14 dicembre e ospitata all’ex Convento del Carmine in piazza Matteotti, a Modica, la mostra “Migranti ambientali: l’ultima illusione” del fotografo Alessandro Grassani resterà visitabile fino al 12 gennaio 2020 (da martedì a sabato dalle 16 alle 20, la domenica anche dalle 10 alle 13, chiuso il lunedì; ingresso euro 2, gratuito per le scuole). 
Autore
Pubblicato da
Pinxa News
Logo