Il prof. Francesco Priolo nominato Rettore dell'Università di Catania, la prof.ssa Vania Patanè prorettore vicario
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Il prof. Francesco Priolo è stato nominato oggi rettore dell’Università di Catania per il sessennio 2019-25 dal Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti. Il prof. Priolo ha avuto anche un lungo e cordiale colloquio con il ministro nella giornata di ieri a Roma, nel corso del quale sono stati evidenziati temi quali la trasparenza dell’azione amministrativa e delle procedure concorsuali e la redistribuzione delle risorse all’interno del sistema universitario. “Vi informo che il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, on. Lorenzo Fioramonti, mi ha nominato rettore del nostro Ateneo – ha scritto il prof. Priolo in una lettera indirizzata all’intera comunità accademica, subito dopo la notifica del decreto -.

Ringrazio il Decano, prof. Vincenzo Di Cataldo, per avere affrontato con equilibrio e saggezza questa delicata fase di passaggio e prometto che mi impegnerò concretamente a superare ogni divisione. Confido nel vostro sostegno”. “Le settimane che sono seguite alle elezioni – ha proseguito Francesco Priolo – sono state lunghe e io, pur mantenendo vivo il dialogo con molte e molti di voi, ho posto le basi perché si possa al più presto ripartire con le principali attività. Ho scelto, ad esempio, di nominare prorettrice vicaria la Prof.ssa Vania Patanè, ordinaria di Diritto processuale penale, e presto renderò note anche le deleghe alla “Trasparenza” e alle principali missioni del nostro Ateneo (Didattica, Ricerca, Internazionalizzazione e Terza Missione)”.

 

Il momento dello spoglio

 

“Una volta individuati tutti gli altri membri della nuova governance – ha concluso il nuovo rettore dell’Ateneo catanese Francesco Priolo -, potremo finalmente dare quelle risposte di cui la società civile e gli studenti hanno bisogno, così come riprendere la via verso l’accreditamento dell’Ateneo. La buona notizia, su quest’ultimo fronte, è che abbiamo appena ottenuto un differimento della visita ANVUR per fine novembre 2020: nonostante il duro lavoro che ci attende, sono fiducioso che insieme supereremo anche questa prova”.

 

il prof. Priolo con i suoi studenti

 

Discorso pronunciato dopo la proclamazione. Aula Magna dei Benedettini, 26/08/2019:

È per me un’emozione immensa vedervi così numerosi in questa storica Aula Magna. Grazie davvero a chi in queste settimane ha potuto esserci sempre, partecipando con serietà e senso di appartenenza allo scambio su ciò che potrà essere il nostro Ateneo; grazie davvero anche a chi, da lontano, ha scelto comunque di dare il segno della propria presenza. È, per me, motivo di orgoglio essere parte di una comunità dotata di un senso di appartenenza tanto forte, ma soprattutto capace di confrontarsi su idee e ideali. Grazie davvero a tutte e a tutti.

Questa parte del percorso è ormai quasi conclusa, ma io desidero adesso rivolgere un pensiero a coloro che lo hanno condiviso con me: al Decano, Prof. Vincenzo Di Cataldo, e ai membri della Commissione elettorale per la responsabilità con cui hanno sempre guidato questo processo elettorale, così come ai colleghi che si sono candidati per avere generosamente messo a disposizione di tutti il loro patrimonio di competenze ed esperienze. Grazie davvero anche a loro.

 

 

 

Questa è un’occasione speciale – di festa – per il nostro Ateneo, si riparte, ma io vi dico subito che ho già chiaro il peso del compito che mi è stato affidato. La situazione è obiettivamente difficile e io so che sarà necessario operare sin da subito, al fine di ricostruire quel rapporto di fiducia che da sempre abbiamo con la città. Io spero che i lavori della Magistratura possano concludersi presto, e che le colleghe e i colleghi coinvolti nelle indagini possano giustificare il proprio operato, intanto, però – proprio per dire forte e chiaro che la nostra comunità non intende “nascondere la polvere sotto il tappeto” – ripartiremo tutti insieme da quell’azione “trasparenza”, su cui ci siamo già confrontati più volte e su cui ci siamo ritrovati uniti. La società civile non potrà che apprezzare questa nostra scelta.
Vedo tante studentesse e tanti studenti in aula e sono felice. Sappiate che l’Università è vostra e che ci impegneremo ancora di più per offrirvi tutto quanto meritate. Presto avremo bisogno anche del vostro aiuto, e sono certo che non risparmierete né forze, né energie.

E non posso non rivolgere lo stesso appello alle colleghe e ai colleghi, così come a tutto il personale tecnico-amministrativo. Ho già detto in più occasioni quali siano le priorità. Di nuovo, la via da seguire sarà lunga, a tratti tortuosa, ma io mi impegnerò a porre le basi di quell’Ateneo partecipato che in queste settimane ho imparato a disegnare insieme a voi. Il nostro sarà un Ateneo delle competenze e non delle appartenenze: solo così faremo “massa critica”, facendo emergere tutte le nostre professionalità, e arricchiremo sempre più il nostro territorio.

Ripeto, la via da percorrere sarà lunga, moltissimo il lavoro da fare, ma sono convinto che insieme riusciremo.

Io ci sarò. So che ci sarete anche voi.

Buon lavoro a tutti noi!

 

Il profilo del Rettore Francesco Priolo:

Qui il link della pagina web dell’Ateneo a lui dedicata:

https://www.dfa.unict.it/docenti/francesco.priolo

Nato a Catania il 25 novembre 1961, il prof. Priolo si è laureato in Fisica con 110/110 e lode nel 1985. Dopo un periodo di ricerca presso i Bell Laboratories di Murray Hill a New York (USA), nel 1991 è entrato in organico all’Università di Catania dove, dal 2001, è professore ordinario di Fisica della Materia e oggi è decano dei fisici. Fondatore (2004) e primo direttore del Centro di Ricerca MATIS confluito poi nel CNR, Presidente della European Materials Research Society (Strasburgo) per il periodo 2009-2011, Fellow della European Academy of Sciences, componente dei panel di selezione dello European Research Council, è presidente del Distretto Tecnologico Sicilia Micro e Nanosistemi e membro di numerosi comitati scientifici ed editoriali. All’Università di Catania è stato membro del Senato accademico, presidente della Commissione Ricerca di Ateneo, membro del Presidio di Qualità, delegato del rettore alle Relazioni internazionali, coordinatore del progetto che ha portato alla fondazione del centro di ricerche dell’Ateneo BRIT e presidente della Scuola Superiore di Catania (2013-2018). Attualmente è direttore del Dipartimento di Fisica e Astronomia “Ettore Majorana”. I principali campi di ricerca riguardano le nanotecnologie e i materiali per l’elettronica, la fotonica, ed il fotovoltaico. In questi campi è autore di oltre 400 pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali.

 

Altre notizie dall’Università di Catania: