Siracusa ricorda Enzo Maiorca, Talk con Patrizia Maiorca | VIDEO e PROGRAMMA
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Ospite del nostro talk Patrizia Maiorca, presidente dell’ Area Marina Protetta del Plemmirio di Siracusa, figlia del grande uomo dei record Enzo Maiorca che sarà ricordato a Siracusa il 30 luglio 2019 con tante iniziative e, tra queste, l’intitolazione al suo nome dell’affaccio del lungomare di levante.

 

Guarda il talk con Patrizia Maiorca e Salvo Falcone:

 

 

Il 30 luglio del 1988, Enzo Maiorca, il “Re degli abissi”, il recordman siracusano di immersioni in apnea, riuscì a toccare la profondità di -101 metri in assetto variabile, conquistando il record mondiale.

Il 30 luglio prossimo la sua città lo ricorderà con una serie di iniziative che questa mattina sono state presentate dal sindaco di Siracusa, Francesco Italia, insieme con il presidente dell’Area Marina Protetta del Plemmirio e figlia del campione siracusano, Patrizia Maiorca.

 

 

Enzo Maiorca

 

 

 

 

Il programma degli eventi del 30 Luglio 2019:

Alle 10 con una veleggiata, organizzata dalla Lega Navale di Siracusa che partirà dalla Torre del Castello Maniace. Sempre in mattinata, Snorkeling con i diving accreditati in Area Marina (per info e iscrizioni: segreteria@plemmirio.it).

Alle 19 il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, intitolerà l’affaccio sul Lungomare di Levante, accanto all’ingresso dell’Area Marina Protetta del Plemmirio, ad Enzo Maiorca. E’ stato scelto un tratto della costa che vede quotidianamente soffermarsi numerosissimi turisti ma anche tanti siracusani. (per l’occasione il traffico veicolare subirà qualche variazione che verrà comunicata per tempo).

Alle 19,30, nella sede dell’Area Marina Protetta del Plemmirio, in via Gaetano Abela, “I cunti del mare”, un racconto dei momenti più belli della carriera sportiva di Maiorca, a cura di Alessio Di Modica (Produzione Area Teatro).

Alle 20,30, infine, Massimo De Angelis, storico inviato dei Tg Rai, che ha seguito in diretta e in esclusiva i tentativi di record di Maiorca, ricorderà – sempre nella sede dell’Area Marina Protetta del Plemmirio – il campione e l’amico. “Sotto la muta un uomo”, con filmati Rai di quelle imprese sportive.

 

 

 

 

Siracusa ricorda Enzo Maiorca, Talk con Patrizia Maiorca | VIDEO e PROGRAMMA
Un momento del Talk di Pinxa con Patrizia Maiorca e Salvo Falcone

 

 

 

 

Ma ricordiamo quel 30 luglio di trentuno anni fa:

Nelle acque di Fontane Bianche, in provincia di Siracusa, Enzo Maiorca, che aveva 57 anni, raggiunse i 101 metri di profondità in un minuto e dodici secondi. Risalì in 1’23’’, tempo totale 2’35’’. Qualche giorno prima la figlia Rossana aveva conquistato il record mondiale in assetto variabile con -80 metri. Lo stesso non aveva potuto fare la figlia maggiore, Patrizia, per un problema a un orecchio, durante le discese di prova.

La zona del record si trovava a due miglia dalla costa, a ridosso della nave Anfitrite, specializzata in lavori sottomarini e ancorata a una profondità di 120 metri. Accanto alla nave era stata agganciata una piattaforma di 5,50 x 6,50 metri dove era stato montato il sistema di discesa: una zavorra di 26 chili. A poca distanza, le barche stracolme di spettatori che quella mattina accolsero con un lungo applauso l’arrivo di Maiorca a bordo di un vecchio gozzo (sempre lo stesso) condotto dal fedelissimo Pippo Amico, conosciuto da tutti come Pippo 22, “l’ultimo di una dinastia di marinai”, lo definiva lo stesso Maiorca.

 

 

 

Siracusa ricorda Enzo Maiorca, Talk con Patrizia Maiorca | VIDEO e PROGRAMMA
La conferenza stampa con Patrizia Maiorca e Francesco Italia

 

 

 

Durante gli esercizi di preparazione il pubblico rimase in religioso silenzio. Un silenzio che sembrava interminabile e surreale e che durò fino a quando il campione siracusano riemerse con la targhetta con su scritto 101. Enzo Maiorca imparò a nuotare a quattro anni e presto cominciò ad andare sott’acqua, anche se, secondo una sua stessa confessione, da piccolo aveva una gran paura del mare. Ai giovani ripeteva sempre quanto sia importante avere paura del mare e non prenderlo mai sottogamba.

“Il nostro pianeta ha un nome sbagliato – diceva Maiorca – Non doveva chiamarsi Terra ma Mare, perché è mare il 70 per cento della superficie”. E se il mare navigabile (e nuotabile), è risorsa, avventura, il “mare verticale”, le profondità subacquee, sono mistero. “Il mare lo possiamo uccidere con l’inquinamento, ma non lo possiamo conquistare”, diceva il grande campione. Da ragazzo un’altra sua grande passione era la pesca subacquea.

 

 

 

Siracusa ricorda Enzo Maiorca, Talk con Patrizia Maiorca | VIDEO e PROGRAMMA
Enzo Mairoca

 

 

 

Nel 1967 raccontò un aneddoto, poi diventato famoso, sul perché da avido cacciatore decise di abbandonare il suo fucile. “Mi ero immerso da poco quando riuscii ad arpionare una cernia. Era robusta e combattiva. Alla fine rimase incastrata in una cavità fra due pareti; cercando di rendermi conto della sua posizione, passai la mano destra lungo il suo ventre. Il suo cuore pulsava terrorizzato, impazzito dalla paura.

E con quel pulsare di sangue ho capito che stavo uccidendo un essere vivente. Da allora il mio fucile subacqueo giace come un relitto, un reperto archeologico impolverato, nella cantina di casa mia”. Molti anni dopo un’altra lezione di vita, proprio in occasione del suo record. “Quando afferrai la targhetta dei 101 metri sentii una voce che mi diceva che dovevo inchinarmi al mare e non immergermi più, non per senso di sconfitta, ma di rispetto”.

 

 

 

 

Siracusa ricorda Enzo Maiorca, Talk con Patrizia Maiorca | VIDEO e PROGRAMMA
Enzo Maiorca con le figlie Patrizia e Rossana

 

Per contattare Pinxa.it:

email: info@pinxa.it

Messangerm.me/PinxaItalia

 

Vedi tutti tutti gli altri Talk realizzati da Salvo Falcone: