morte di franco zeffirelli e catania
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Nel giorno della morte di Franco Zeffirelli, vi raccontiamo nel video che segue il suo legame artistico e politico con Catania. Nel 1993 portò nelle sale cinematografiche il film “Storia di una capinera” tratto dal romanzo di Giovanni Verga e ambientato proprio a Catania. Grazie al suo genio artistico, Zeffirelli racconta in modo sapiente – tra l’altro – il dramma della città afflitta dal colera e lo fa sullo sfondo del bellissimo centro storico catanese fatto di palazzi, piazze, cortili e… Via Crociferi. Proprio quest’ultima via di Catania – ricca di testimonianze architettoniche- era, come dichiarato ad Adnkronos dall’amico Nino Strano, particolarmente amata da Franco Zeffirelli.

Zeffirelli, in veste di regista e sceneggiatore, restituisce dal punto di vista filmico una città caratterizzata dal magnifico barocco che – in questo modo e grazie a lui – viene conosciuto in tutto il mondo. Per questa ragione il sindaco di Catania Salvo Pogliese ha annunciato che a Franco Zeffirelli sarà intitolato un “importante spazio culturale cittadino che ne ricordi anche il suo forte e prolifico legame con Catania”.

Guarda qui il video con la scena in cui, nel film “Storia di una capinera” di Franco Zeffirelli, Maria Vizzini lascia Catania per sfuggire al colera:

 

Nel 1994, invece, Zeffirelli fu eletto senatore di Forza Italia proprio attraverso il collegio 15 Catania. Saranno due le legislature svolte a Palazzo Madama. Ma a Catania lo ricorderanno soprattutto per aver descritto con Storia di una Capinera e la fotografia splendida di Ennio Guarnieri le bellezze artistiche e architettoniche della città, grazie a lui e al suo film note in tutto il mondo.

Storia di una capinera, è stato prodotto da Mario e Vittorio Cecchi Gori con protagonista Angela Bettis nel ruolo di Maria. Tra le attrici (ruolo suor Agata) anche Vanessa Redgrave che in Sicilia riceve proprio quest’anno il Premio Eschilo d’Oro di Siracusa.

di Salvo Falcone

Il cordoglio del sindaco Salvo Pogliese per la morte di Franco Zeffirelli che riportiamo integralmente:

“La città di Catania si unisce al cordoglio nazionale per la scomparsa del maestro regista Franco Zeffirelli. Con Catania e la sua provincia egli aveva un rapporto speciale, come raccontano le straordinarie immagini di “Storia di una Capinera” uno dei suoi film più belli, interamente girato tra il barocco catanese, che fece conoscere al mondo intero con le sue straordinarie riprese cinematografiche. Senza contare che lo stesso Zeffirelli 25 anni addietro, nel collegio di Catania, fu eletto senatore della Repubblica, accrescendo il suo attaccamento al territorio etneo. E proprio per mantenere viva, anche alle future generazioni, la memoria del suo geniale talento artistico e culturale, intitoleremo a Franco Zeffirelli un importante spazio culturale cittadino che ne ricordi anche il suo forte e prolifico legame con Catania”.

 

Il messaggio di cordoglio del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci:

“Con Franco Zeffirelli se ne va un gigante della cultura europea, profondamente innamorato della Sicilia che volle eleggerlo negli anni ‘90, per ben due volte, suo rappresentante al Senato. E proprio alla promozione della nostra Isola, Zeffirelli ha dedicato alcune sue produzioni, tra cui il film “Storia di una capinera”, tratto dal primo romanzo verghiano. A nome del governo regionale esprimo il cordoglio per la sua scomparsa”.

 

Il messaggio di cordoglio dell’amico Nino Strano per la morte di Franco Zeffirelli (fonte Adnkronos):

“Piango la scomparsa dell’amico Franco Zeffirelli che ha segnato tanto nel mio cuore e nel mio animo insieme a Mauro Bolognini, Piero Tosi, tutti uomini meravigliosi che hanno amato il cinema, la bellezza e il teatro, con i quali ho avuto l’onore di collaborare in tante opere”. Con queste parole l’ex parlamentare nazionale Nino Strano, ricorda l’amico personale Franco Zeffirelli, il grande regista scomparso oggi a 96 anni. “Con Franco – ricorda Nino Strano- ho collaborato in ‘Otello’ insieme a Placido Domingo, a New York nella ‘Cavalleria Rusticana’ e in ‘Storia di una Capinera’ tra l’altro girata in via Crociferi a Catania, città che lui ha amato tanto da farsi eleggere senatore della Repubblica nel 1994”. “La gente a Catania – evidenzia Strano- lo amava e lo accoglieva fra le sue braccia nei mercati popolari. Franco era un uomo buono, umile e generoso con il quale io e la mia famiglia passammo delle bellissime vacanze come quelle a Positano”. “Zeffirelli – conclude Nino Strano- e’ stato un uomo eccezionale che mi ha segnato tanto nella mia vita dandomi lezioni di bello, di umanità e di religiosità. Oggi lui riposa tra le braccia di Dio, di Gesù, quel Gesù che ha tanto amato da dedicargli quel meraviglioso film, ‘Gesù di Nazareth'”.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti su questa o altre storie scrivete a info@pinxa.it
Se invece volete aggiungere informazioni, potete scriverci via email su info@pinxa.it o attraverso la nostra pagina facebook (clicca qui).