Il Gruppo Grotte Cacyparis artefice della campagna di documentazione e rilievo da parte dei propri speleologi iniziata già negli Anni ’90, torna nei Ddieri di Baulì attraverso il canyoning. GUARDA IL VIDEO

L’insieme di cave che costituiscono il Bacino del Fiume Cassibile mostra al suo interno numerosi insediamenti rupestri che si presentano sia in forma di articolati e complessi villaggi talvolta fortificati ed occultati (localmente denominati “Ddieri”), sia come abitati aperti, privi di difesa: i “casali”. Questi diffusi abitati rupestri ricadenti nel Bacino del Fiume Cassibile, testimonianza del medioevo arabo siciliano, sono state oggetto di un’attenta campagna di censimento, documentazione e rilievo da parte degli speleologi del Gruppo Grotte Cacyparis.

Ddieri di Baulì - foto Vincenzo Belfiore (Gruppo Gruppo Grotte Cacyparis)

Ddieri di Baulì – foto Vincenzo Belfiore (Gruppo Gruppo Grotte Cacyparis)

In totale ne sono stati censiti 14 ad uso abitativo e 6 cultuali, ciò al fine di permettere un confronto tipologico con altri insediamenti simili presenti in Sicilia e nell’area mediterranea. Gran parte di essi, essendo sopravvissuti quasi indenni ai catastrofici terremoti, risultano essere le poche e rare tracce di architetture medievali. Oggi, questi manufatti risultano in completo stato di abbandono, spesso poco accessibili senza l’uso di tecniche speleologiche, perlopiù siti in proprietà private e senza alcun vincolo di tutela.

Ddieri di Baulì, veduta dall'alto - foto Vincenzo Belfiore (Gruppo Grotte Cacyparis)
Ddieri di Baulì, veduta dall’alto – foto Vincenzo Belfiore (Gruppo Grotte Cacyparis)

Testo tratto da: CENSIMENTO DEGLI INSEDIAMENTI RUPESTRI DEL BACINODEL FIUME CASSIBILE (SICILIA SUD ORIENTALE) di Corrado Nastasi, Vincenzo Belfiore, Tiziana Di Benedetto.

Per info:

https://trekking.hiresicily.com/rupestre-ibleo.html

https://www.academia.edu/33526857/Censimento_degli_insediamenti_rupestri_del_bacino_del_fiume_Cassibile_Sicilia_Sud_Orientale

https://youtu.be/XAHvuBKrMcI

Ddieri di Baulì, la Sicilia del medioevo arabo -  foto Salvo Falcone
Ddieri di Baulì, la Sicilia del medioevo arabo – foto Salvo Falcone